Dolci Ricette

Chantilly (o bignè) alla panna

E’ stato più forte di me. Avevo troppa nostalgia di loro. Ormai da troppo tempo. No, non sto parlando di parenti ed amici, sto parlando dei miei adorati Chantilly, quel mistro tra goduria ed ossessione che ho da quando ero praticamente in fasce. Non esistendo una pasticceria mignon qui a Londra, che invece secondo me avrebbe moooolto successo, me li sono dovuti preparare da sola. Ed è stato come tornare un po a casa. Ho usato infatti anche una panna 100% italiana, buonissima! Sicuramente migliore delle mille varietà di panna che hanno qui, e che non hanno mai soddisfatto appieno i miei gusti: single cream, double cream, extra thick double, whipping cream….non ci capisco più nulla! 😀 Vediamo gli ingredienti che vi servono per preparare questi pasticcini, se anche voi abitate all’estero come me e volete prepararveli da soli. Per prima cosa dovrete preparare la pasta choux: Per circa 35/40 bignè:

200 g di acqua

200 g di burro

210 g di farina 00

374 g di uova fresche, pesate con il guscio

1 g sale

1 pizzico di lievito per dolci

500 ml di panna montata

zucchero a velo a piacere

In una pentola portate a bollore l’acqua insieme al burro ed al sale. Una volta arrivata ad ebollizione, spegnete il fuoco ed unite la farina tutta in una volta, mescolando bene fino a quando l’impasto non si staccherà dalle pareti del pentolino.
 Ci vorranno almeno 3-4 minuti di mescolata vigorosa, quindi preparatevi psicologicamente! 😀 Unite le uova una ad una. Non aggiungete mai un uovo se prima l’altro non è stato mescolato ed incorporato bene all’impasto. Una volta pronto, trasferite il composto in una sac a poche con bocchetta liscia e abbastanza grossa e sopra una teglia ricoperta di carta da forno,  formate delle palline di impasto un po alte, distanziate l’una dall’altra di qualche cm, perché in cottura cresceranno. Potete anche fare delle forme un pochino più lunghe, saranno buonissime farcite con qualche preparazione salata, perchè no! 🙂 Cuocete a 220 gradi per 15 minuti, poi continuate la cottura con il forno un pochino aperto per altri 5 minuti. Fate raffreddare bene i dolcetti. A parte, montate la panna a neve ben ferma (a me piace così) quasi al limite con la trasformazione in burro, quindi fate attenzione a non eccedere, altrimenti addio panna. Ricordatevi sempre di utilizzare una ciotola che sia fredda, così come la panna stessa. Monterà molto meglio. Quindi conservate anche la ciotola che userete in frigo per almeno una mezz’oretta.   Prendete ora i bignè e tagliate la parte superiore, che sarà il “cappellino” del vostro chantilly. Riempite una sac a poche con la panna che avete preparato con una bocchetta stellata se ce l’avete, ed iniziate a farcire i vostri bignè. Siate generosi in altezza, così saranno anche più belli da vedere. Ricoprite la panna con il pezzetto superiore del bignè che avete tagliato in precedenza e proseguite così finchè non li avrete completati tutti. Infine, spolverizzate con abbondante zucchero a velo. Questo tipo di preparazione va benissimo anche per essere usata come finger food. Ad esempio io alcuni li ho spolverizzati con un pizzico di pepe in superficie, prima della cottura, per utilizzarli come bignè salati farciti con una crema di stracchino e prosciutto cotto. Sarebbero anche molto carini se spolverizzati con un pochino di parmigiano o semi di papavero. Qui veramente potete sbizzarrirvi! 🙂 A presto Angelina Foto-1

Foto-2

Foto-3

Foto-4

Foto-2  Foto-4

bignè 2

 

bignè

3 thoughts on “Chantilly (o bignè) alla panna”

  1. Ciao Maria 🙂 Ho messo un pizzico di lievito perchè voglio che siano belli “ariosi” all’interno, così ci posso far stare più ripieno, anche nella parte inferiore 🙂 Comunque puoi usare anche quello per salati, la quantità è talmente minima che non si noterà alcuna differenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.